Perché è consigliabile sterilizzare in giovane età un cane maschio?

Un cane di casa non ha solamente delle necessità fisiologiche alle quali si sopperisce con la corretta alimentazione, le lunghe passeggiate, il giusto riposo, la cura dell’igiene, il calore di un ricovero, la prevenzione e la cura delle malattie, l’indispensabile compagnia di altri animali e di persone che lo apprezzano. Manifesta delle compulsive necessità che il proprietario non riesce a soddisfare: le esigenze riproduttive. In città è opportuno ricordare che l’alta concentrazione di cagne favorisce e stimola oltremodo l’appetito del cane maschio, pertanto la sofferenza viene moltiplicata per il numero di cagnoline in estro che vivono nel quartiere. Non è pensabile di poter vietare al nostro cane la possibilità di accoppiarsi, per tutta la vita o tutte le volte che ne manifesta il desiderio, senza che ne possa soffrire. Il suo equilibrio psichico ne risente con manifestazioni che possono andare dallo stato d’ansia, all’anoressia, all’apatia, all’aggressività. L’esperienza clinica insegna che la castrazione di un cane maschio comporta irrilevanti variazioni ponderali. Se effettuato in giovane età l’intervento si è inoltre rivelato un’utile prevenzione contro infiammazioni, infezioni e neoplasie prostatiche dell’età adulta e senile. In molti Stati europei il controllo della riproduzione viene programmato nell’ambito delle prime visite ambulatoriali dai colleghi veterinari così come le sverminazioni, le vaccinazioni, la dieta, l’educazione.


Alberto FRANCHI
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Verona
Ambulatorio Veterinario Avesa - Verona

TORNA INDIETRO