Quando un cane abbaia

Il frequente, ripetuto abbaiare di un cane in appartamento può essere determinato da molteplici motivi, ma più spesso si può trattare di ansia da separazione, nel caso in cui si manifesti quando il proprietario è assente, o di comportamento da dominanza, allorquando il nevrotico abbaiare si abbia in presenza del proprietario. Nel primo caso il cane, non essendo abituato a restare da solo in attesa del ritorno del proprietario vive la sua assenza come una separazione ansiogena, giungendo oltre che ad abbaiare a provocare danni nell’appartamento; nel secondo caso il cane, che si considera capobranco e quindi responsabile del suo gruppo, formato da tutti i conviventi della casa, si assume il gravoso onere di vigilare su tutto ciò che accade, addossandosi oneri ed onori che la sua presunta posizione di capobranco gli comporta: ecco quindi che abbaia allo squillare del telefono, del campanello, nell’udire passi sulle scale, eccetera...In entrambe i casi la vita della povera bestiola è stressata: un buon rapporto fra proprietario e cane dovrebbe portare ad un rapporto di dominanza sul cane in modo da permettergli una vita di serena subordinazione per evitare conseguenti problemi sia con la famiglia che con gli estranei, e dandogli la possibilità di vivere tranquillo in un ambiente complesso come quello della realtà cittadina ed umana, che gli impone stimoli che sono al di sopra della sua preparazione genetica.


Alberto FRANCHI
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Verona
Ambulatorio Veterinario Avesa - Verona

TORNA INDIETRO