Gatto graffione: che fare?

Un disturbo comportamentale abbastanza diffuso fra i gatti di casa, ai quali sia stato permesso di sviluppare in modo più o meno completo quella autoaffermazione che li spinge a non mostrare deferenza nei confronti degli amabili proprietari, è quello di interagire con essi graffiandoli. Non si tratta di improvvisi segni di “pazzia” da parte del gatto, come frequentemente alcuni tendono ad interpretare e riferire, bensì sono l’espressione violenta di animale da esaminare con cura. Queste espressioni di aggressività da autoaffermazione mirano a comunicare il desiderio del gatto di essere lasciato in pace o, per essere più precisi, il suo rifiuto ad accettare da soggetto passivo le attenzioni parentali (materne o paterne) dei proprietari. Il felino che si comporta in questo modo è un animale che anche in altre situazioni dichiara la sua volontà di controllare le relazioni che intrattiene con il proprietario; tende a determinare l’inizio e la fine delle incontri sociali; è incline a sollecitare le attenzioni da parte del cliente invece di attenderle ed gradirle. Sono tutte dimostrazioni concrete di priorità, di importanza che il gatto ha fatto proprie grazie ad un vuoto generato dall’ atteggiamento arrendevole del proprietario, che ha concesso al micio ampi spazi di manovra nell’ambiente domestico e nelle relazioni sociali, finendo così per impartirgli il segnale di propria inferiorità sociale nel suoi confronti. A questo punto il gatto manifesta la sua istintiva attestazione sociale. Per evitare di incorrere in questi conflitti è opportuno impostare un corretto rapporto di dominanza sul gatto indicandogli e rammentandogli, con comportamenti ed anche piccoli esercizi adeguati, il suo rango sociale e la necessaria sua deferenza; impedendogli, ad esempio, di imporre la sua volontà nelle relazioni con gli umani, ma facendogli sviluppare un atteggiamento filiale, arrendevole, deferente, scegliendo sempre i tempi ed i modi di relazionarsi con esso. Pazienza e costanza sono vincenti. La competizione tramite la violenza mai.


Alberto FRANCHI
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Verona
Ambulatorio Veterinario Avesa - Verona

TORNA INDIETRO